Il tuo browser non supporta JavaScript!

La formazione universitaria e il rapporto con i maestri

digital La formazione universitaria e il rapporto con i maestri
Articolo
rivista BOLLETTINO DELL'ARCHIVIO PER LA STORIA DEL MOVIMENTO SOCIALE CATTOLICO IN ITALIA
fascicolo BOLLETTINO DELL'ARCHIVIO PER LA STORIA DEL MOVIMENTO SOCIALE CATTOLICO IN ITALIA - 2011 - 1-2
titolo La formazione universitaria e il rapporto con i maestri
autore
editore Vita e Pensiero
formato Articolo | Pdf
online da 01-2011
issn 03908240 (stampa) | 18277977 (digitale)
€ 6,00

Ebook in formato Pdf leggibile su questi device:

P.L. Porta, La formazione universitaria e il rapporto con i maestri

Il contributo si sofferma sul rapporto di Amintore Fanfani con i suoi maestri. Il problema viene esaminato a diversi livelli. In primo luogo sono studiati i rapporti di Fanfani con l’ambiente interno dell’Università Cattolica a cavallo degli anni Venti e Trenta del Novecento. Le influenze più dirette sono legate alle sue relazioni con Marcello Boldrini, Angelo Mauri e Jacopo Mazzei. Al di sopra di questi rapporti sta la figura di Giuseppe Toniolo, con il quale Fanfani poté avere nessi solo indiretti. Un secondo livello di indagine riguarda l’esame dei rapporti di Fanfani con il rettore della Cattolica, Agostino Gemelli, e con i docenti di filosofia dell’Ateneo milanese. Un terzo livello di indagine riguarda il rapporto di Fanfani con la tradizione del pensiero economico italiano.

This essay is about the relationship between Amintore Fanfani and his teachers. The issue is analysed at different levels. At the first level, the author examines his relations with the working environment within the Catholic University between the 1920s and 1930s. The most direct influences are due to his links with Marcello Boldrini, Angelo Mauri and Jacopo Mazzei. In addition to these relationships, there was also Giuseppe Toniolo, with whom Fanfani had no direct links. At the second level, the author examines Fanfani’s relations with the Catholic University Rector, Agostino Gemelli, and with the professors of philosophy of the university. The third level is about the link between Fanfani and the tradition of Italian economic thought.